Ci vuole un fisico da Padel

Fabio Inka padel italia

Come in tutti gli sport, anche nel Padel la preparazione atletica è diventata fondamentale non solo per migliorare la propria perfomance – e avere, dunque, più possibilità di vincere, – ma anche per non farsi male, riducendo quindi il rischio di infortuni a livello muscolare o articolare.
«La particolarità del padel risiede nel fatto di essere molto coinvolgente, e piuttosto facile nell’apprendimento» dichiara a PadelNostro, Fabio Inka (in foto), preparatore atletico dei vip, noto per aver applicato il cosiddetto Impacto Training, entusiasmante ed energico metodo che coniuga grandi risultati a sedute di allenamento di breve durata (presto un video tutorial di Inka dedicato interamente alla preparazione per il padel). 

LA PREPARAZIONE ATLETICA – «Il Padel all’apparenza può sembrare uno sport poco faticoso, ma può essere traumatico, soprattutto se ci si avvicina a questa nuova disciplina senza una adeguata preparazione di base» fa presente Inka.
Quindi, anche per i giocatori di livello amatoriale è importante una buona condizione fisica accompagnata da un allenamento «in grado di condizionare tutto il corpo – spiega il preparatore atletico – ma soprattutto un lavoro misto (aerobico e anaerobico) che coinvolga più gruppi muscolari simultaneamente: il principio base è che il cervello conosce movimenti e non muscoli. In questo modo l’allenamento risulta essere più coinvolgente, divertente e produttivo» precisa Inka. La preparazione atletica offre vantaggi che vanno da un incremento della forza muscolare a una maggiore lucidità mentale, passando per un aumento, non solo della forza muscolare, ma anche della velocità e della resistenza.

RISCALDAMENTO E ALLUNGAMENTO – Inoltre, prima di entrare nel campo, che al primo colpo di pala e pallina si trasforma in una gabbia da combattimento, non va dimenticato «un riscaldamento adeguato e specifico, e infine lo stretching post partita, accompagnato da esercizi presi in prestito dallo yoga e dalla ginnastica posturale, per permettere al corpo di recuperare» conclude l’esperto. Preparazione atletica e alimentazione si confermano dunque il binomio vincente per affrontare nel migliore dei modi una sfida sportiva.

Anche a Padel.

Buon Padel  a tutti

Silvia Sequi

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *