Mondiali. L’Italia sesta, Nirdaci: «Autentici leoni»

nazionale padel italia paddle

Roma, 19 novembre 2016 – «Uno di loro a notte fonda mi ha scritto “Gianfranco, sembravamo otto leoni”. Io dico: per me lo siete stati. Voglio dare un abbraccio a tutti i 16 atleti che hanno difeso i colori azzurri, sono stati fantastici». Così Gianfranco Nirdaci – presidente del Comitato Fit Paddle – commenta in esclusiva a PadelNostro il risultato degli Azzurri ai Campionati Mondiali di Pádel a squadre conclusosi oggi a Cascais, in Portogallo. Sesto posto sia per la nazionale femminile, capitanata da Sandrine Testud, sia per quella maschile, guidata da Gustavo Spector che questa competizione ha decretato la seconda nazione europea dietro la Spagna, «un risultato da brivido» confida Nirdaci (foto in alto, al centro della Nazionale al completo)

Le Nazionali dell'Italia alla serata inaugurale

Le Nazionali dell’Italia alla serata inaugurale dei Mondiali a squadre

«Ho sempre sostenuto che il risultato sportivo non era ciò che mi stava più a cuore – aggiunge – oggi sono contentissimo di poter ribadire questo concetto che alla luce dello splendido risultato che abbiamo ottenuto non può essere visto come una giustificazione». Il presidente della Fit Paddle ricorda poi che in Italia il punto di svolta è stato «trasformare un gioco in uno sport» e che a parlare del crescente successo del movimento sono i numeri: «le migliaia di contatti che abbiamo sulla nostra pagina Facebook, i 3000 tesserati agonisti e i 300 campi – ormai in tutta Italia – sono veramente una conferma che la strada intrapresa è quella giusta» dettaglia Nirdaci, dedicando un ringraziamento «alla Fit nella persona di Angelo Binaghi (il presidente, ndr), al Coni nella persona di Giovanni Malagò e a tutti quei tifosi che sono andati fin lì per sostenere gli atleti azzurri e che hanno riempito il cuore, scrivendo “ce l’abbiamo fatta”. E che oggi mi fa dire: “il bello deve ancora venire”.  E sono sicuro di non sbagliarmi».

Silvia Sequi 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *